HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2014-03-14 14:23:07
A+ A- Stampa articolo



Papa Francesco rientrato in Vaticano dopo gli esercizi spirituali predicati da mons. De Donatis



Papa Francesco è rientrato ieri verso le 11.30 in Vaticano, a bordo di un pullman, assieme ai suoi collaboratori di Curia, dopo aver concluso in mattinata gli esercizi spirituali della Quaresima nella Casa Divin Maestro di Ariccia. Il Papa ha ringraziato di cuore mons. Angelo De Donatis, per la sua capacità di aver seminato – ha detto – il “buon seme della Parola di Dio”. Il servizio di Alessandro De Carolis:RealAudioMP3

Sono circa le 10, quando nella cappella della Casa dei Paolini ad Ariccia la voce di mons. Angelo De Donatis, che per sei giorni ha guidato in un intenso viaggio spirituale il particolare gruppo seduto di fronte, tace per fare spazio a quella di Papa Francesco. E le parole del Papa sono quelle di un uomo sinceramente colpito dall’esperienza vissuta:

“Don Angelo, io vorrei ringraziarla a nome mio e di tutti noi, per il suo aiuto in questi giorni, il suo accompagnamento, il suo ascolto… Noi adesso torniamo a casa con un buon seme: il seme della Parola di Dio. E’ un buon seme, quello. Il Signore invierà la pioggia e quel seme crescerà. Crescerà e darà il frutto”.

I due ultimi “semi” gettati giovedì pomeriggio e ieri mattina da mons. De Donatis hanno il volto di Pietro e Maria di Magdala, ciascuno colto nell’istante di un momento spartiacque in cui la propria vita passa da una dimensione a un’altra. Dell’Apostolo, mons. De Donatis scinde con acume gli istanti del suo rinnegamento di Gesù. Mentre il Maestro viene processato al primo piano del Sinedrio, nel cortile sottostante va in scena, dice, il “processo a Pietro”. È già “triste”, ha notato il predicatore, che in quel frangente Pietro non stia fra gli amici di Gesù, bensì fra i servi. Ma ancor più doloroso è osservarlo mentre davanti ai servi nega dapprima di conoscere Gesù, poi di far parte della cerchia dei suoi discepoli, poi perfino di essere un galileo. Tre “livelli” di rinnegamento che, ha spiegato mons. De Donatis, si traducono in un rinnegare Dio, la Chiesa e se stesso. Il gallo che canta è l’abisso della vergogna, ma proprio in quel momento Pietro incrocia lo sguardo di Gesù, in cui – ha osservato mons. De Donatis – Pietro coglie un abisso di perdono, tanto illimitato proprio perché “non meritato” e quindi “gratuito”. Questa, ha affermato il predicatore, è l’esperienza più vera della fede: quando il cristiano passa dalle “promesse solenni” e “buoni propositi”, anche un po’ moralistici, del voler “fare del bene per” Gesù – da un’idea di Chiesa come “supermarket di valori morali” – al fare un’esperienza personale di misericordia. Quella che fa sentire “redenti”, dopo la quale crolla la pretesa di amare Gesù per primi, ma si comprende che è sempre Dio che dona per primo l’amore e quello che conta per un cristiano è la risposta a questo amore, “che non importa ciò che facciamo, ma che diventiamo simili a Cristo”.

Nella meditazione conclusiva di ieri mattina, mons. De Donatis si è invece soffermato sulla scena della Maddalena, nel momento in cui, davanti al sepolcro vuoto, piange perché non trova più Gesù. Le singole azioni della donna – ha evidenziato il predicatore – mostrano come Maria di Magdala non riconosca Gesù finché non è Lui stesso a chiamarla. Gesù, ha notato mons. De Donatis, la porta “gradualmente” alla fede, perché lo “Spirito è il maestro delle lente maturazioni”. E la voce è il segno della chiamata, di una “vocazione”, che porta “subito” – come afferma il Vangelo – Maria Maddalena al bisogno dell’annuncio, al condividere la buona notizia con tutti gli altri. Che bella, ha concluso mons. De Donatis, una evangelizzazione così, “per attrazione e contagio”. E su quest’ultimo seme gettato, arriva il suggello delle genuine parole di apprezzamento di Papa Francesco per la sapienza mostrata in questi giorni dal seminatore:

"Perché lei è stato il seminatore, e sa farlo, sa farlo! Perché lei, getta giù di qua, getta di là senza accorgersene – o facendo finta di non accorgersene [ride] – ma segna, va al centro, va al segno. Grazie per questo. E le chiedo di continuare a pregare per questo 'sindacato di credenti' [ride] - tutti siamo peccatori, ma tutti abbiamo la voglia di seguire Gesù più da vicino, senza perdere la speranza nella promessa, e anche senza perdere il senso dell’umorismo - e a volte salutarli da lontano. Grazie, padre".

Ultimo aggiornamento: 15 marzo




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá