HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2014-03-14 14:44:31
A+ A- Stampa articolo



Premio Templeton al sacerdote cattolico ceco Tomas Halik



Sacerdote e filosofo, ma non solo. È l’accademico ceco Tomas Halik, 65 anni, il vincitore del premio Templeton 2014. L’annuncio giovedì a Londra. Negli anni Sessanta si laurea in sociologia, filosofia e psicologia all’Università di Praga, negli anni Settanta studia teologia e - bollato dal regime comunista dell’allora Cecoslovacchia come “nemico” - viene ordinato segretamente sacerdote nella Germania Est. Per anni porta avanti una vasta rete segreta di studiosi, teologi, filosofi e studenti dedicata a coltivare le basi intellettuali e spirituali per uno Stato democratico. Divenuto stretto collaboratore dell’ex presidente Vaclav Havel, si contraddistingue per l’impegno a favore della tolleranza e del dialogo tra popoli, religioni e orientamenti politici diversi, nonché per i rapporti con i non credenti. Ascoltiamo mons. Tomas Halik al microfono di Philippa Hitchen:

R. – Many of my teachers, they were priests, they spent many years in the comunist …
Molti dei miei insegnanti sono stati sacerdoti che hanno passato tanti anni nei campi di concentramento comunisti, nelle prigioni e nelle miniere di uranio. Le possibilità di scrivere e pubblicare erano rarissime. Molti di loro sono morti durante il comunismo. Attraverso questa loro esperienza di prigionia, scoprirono qualcosa che sarebbe stato importante per i messaggi del Concilio Vaticano II. In prigione incontrarono molte persone non cattoliche, alcuni non credenti, e scoprirono che avevano qualcosa in comune; percepirono questa persecuzione come una possibilità di purificazione della Chiesa. Mi dissero: “Abbiamo sognato che la Chiesa del futuro sarà veramente una Chiesa al servizio degli oppressi e dei poveri”. Penso che questo sia esattamente il messaggio del Vaticano II, importante anche per Papa Francesco.

D. – Tutto ciò riecheggia il messaggio di Papa Francesco, nei giorni in cui ricordiamo il primo anniversario del suo Pontificato. Quale pensa possa essere l’impatto degli insegnamenti di Papa Francesco?

R. – I think he is a spiritual man who is showing the nearness to the people…
Penso che Papa Francesco sia un uomo spirituale che sta dimostrando la sua vicinanza alle persone. Ho scritto un libro, che si chiama “Touch the Wounds”, “Tocca le ferite”, e si riferisce ad una scena del Vangelo di San Giovanni, quando San Tommaso tocca le ferite di Cristo e pensa: “Questo è il mio Signore e il mio Dio”. Penso che i problemi, la miseria del nostro mondo, la miseria sociale, siano le ferite odierne di Cristo. Quando noi ignoriamo le ferite di Cristo non abbiamo diritto di dire: “Mio Signore e mio Dio”.

Ultimo aggiornamento: 15 marzo




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá