HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2014-03-14 19:23:33
A+ A- Stampa articolo



Ucraina: permangono le divisioni tra Usa e Russia



Gli Stati Uniti non riconosceranno l'esito del referendum di domenica prossima in Crimea. A proposito della crisi in Ucraina, lo ha chiarito il Segretario di Stato Usa, Kerry, dopo il colloquio fiume di 6 ore a Londra con l’omologo russo, Lavrov. Per il capo del Cremlino, Putin, la consultazione di domani rispetta invece le leggi internazionali. Il servizio di Giada Aquilino:RealAudioMP3

Il referendum per sancire la scissione della Crimea dall'Ucraina è conforme ai “principi del diritto internazionale e della Carta dell'Onu”. Il presidente russo Vladimir Putin, in una telefonata con Ban Ki-moon, ribadisce la posizione di Mosca, emersa anche a Londra nei colloqui Kerry-Lavrov. Il ministro degli Esteri russo non ha nascosto che le differenze con l’Occidente - e quindi con gli Usa - “permangono” e che non c’è una “visione comune”. “Non è nei piani di Mosca - ha aggiunto - invadere l'est dell’Ucraina”, a maggioranza russofona. Altrettanto chiari, ma su posizioni diverse, sia il presidente statunitense Barack Obama, che pur sperando ancora in una soluzione diplomatica ha parlato, in caso contrario, di conseguenze “inevitabili” per Mosca, sia il segretario di Stato Kerry, che ha evocato “sanzioni”: “non riconosceremo l'esito del referendum in Crimea”, ha dichiarato, riferendosi a trasgressioni al diritto internazionale, come hanno fatto anche Unione europea e Nato. Intanto, mentre l’Onu parla di violazione della libertà d’espressione in Crimea, pure i filorussi di Kharkiv, l'ex capitale dell’Ucraina, hanno annunciato di voler organizzare per domenica prossima un loro referendum per l'annessione a Mosca. E sui cieli della Crimea, secondo i russi, sarebbe stato intercettato un drone statunitense. La crisi in Ucraina infine penalizza le borse, anche se in chiusura quelle europee hanno ridotto le perdite registrate in mattinata.

La situazione ucraina sta dunque avendo conseguenze negative sui mercati finanziari, con il crollo delle principali Borse, in particolare quella di Mosca. Eugenio Bonanata ne ha parlato con Margherita Paolini, coordinatrice scientifica di Limes:RealAudioMP3

R. – Questo era inevitabile che si verificasse, perché viviamo ormai in un mondo globalizzato e gli interessi del mondo occidentale in Russia, così come quelli russi ne mondo occidentale, ormai sono abbastanza ben ramificati da diversi anni. Magari l’interscambio è molto più forte con quello europeo, ma c’è anche con il sistema americano. Il problema, quindi, è che si possano infliggere delle sanzioni – per ora minacciate, poi via via sempre più approfondite. C’è una specie di guerra a bassa intensità che certamente può avere conseguenze economiche più gravi per la Russia che già da qualche tempo – non solo in coincidenza con la crisi ucraina – aveva risentito di una situazione finanziaria non dico traballante, ma molto incerta.

D. – Ci potrebbero essere conseguenze negative anche sul fronte del gas, un capitolo delicato per tutta l'Europa?

R. – Però, c’è una differenza sostanziale tra i Paesi europei del Nord e quelli del Sud, perché i Paesi del Nord hanno dei gasdotti che passano fuori dall’Ucraina, proprio per una volontà precisa di Mosca di bypassarla in direzione dei clienti più importanti, come la Germania. E non solo per il gas, ma anche per il petrolio: la Germania è il primo importatore di petrolio russo. Il problema è, invece, per quelli del sud-mediterraneo. E siamo noi, alla fine, tra i Paesi del Sud che prendiamo la quota più rilevante del gas che passa attraverso l’Ucraina: ne importiamo 25 miliardi di metri cubi. E non pensiamo che ora, perché sta avvicinandosi la primavera, il discorso si renda più lieve, perché in estate se ne consuma quasi quanto in inverno, in quanto quello che non si consuma in riscaldamento si consuma per i refrigeratori. Quindi, bisogna essere molto attenti. Abbiamo anche pochissimo gas che viene dal Mediterraneo: tutte le nostre forniture tradizionali si sono illanguidite. C’è la situazione libica, e anche l’Algeria che in questo momento produce meno di quello che avrebbe dovuto perché non ha avuto investimenti sufficienti per mettere in produzione nuovi giacimenti. Insomma, diciamo che la situazione è un po’ critica. Quindi, speriamo che questa cosa si risolva. Però, l’Italia in questo ambito deve cercare di svolgere una parte importante, insomma, che sia di pressione ma anche di mediazione, per evitare uno scenario di questo tipo.

D. – Quante sono le possibilità che qualcuno interrompa il flusso di gas verso l’Occidente?

R. – Parecchie. Qui si sta facendo un gioco al rialzo; magari, molto è tattico ma non sappiamo quanto poi ad un certo punto possa diventare vero. La Russia potrebbe chiudere i rubinetti ai Paesi occidentali, come conseguenza delle sanzioni, ovvero potrebbe essere l’Ucraina che chiude i rubinetti per fare un ricatto forte alla Russia. Oppure la Russia che ha timore di far passare il gas per l’Europa, visto che bloccherebbe quello dell’Ucraina attraverso il territorio dell’Ucraina stessa. Però, siccome l’uscita di questi tubi è proprio in zone occidentali molto russofone, questo può impedirne il transito.

D. – Cosa dire del referendum di domenica?

R. – Dovrebbe essere un referendum ad alta frequenza, insomma, perché la maggioranza della popolazione è su questa lunghezza d’onda. Però, teniamo conto che ci sono anche dei gruppi come appunto i tatari, che sono assolutamente contrari; ci sono delle perplessità. Certamente sarebbe vinto, ma è un processo che viene completamente negato, in questi termini, dal governo centrale ucraino. Quindi, quale sostenibilità può avere questa cosa? Anche per la stessa Russia lascia il discorso della base di Sebastopoli comunque in un limbo pericoloso. Forse la proposta che può venire da Kiev di farne invece una cosa autorizzata, sebbene in termini più blandi, potrebbe essere più sicura perché anche sul fronte terrorismo ci sono già minacce da parte di frange legate ai movimenti islamisti del Caucaso di entrare in un conflitto a bassa intensità. Quindi è molto pericoloso e non so quanto convenga entrare in questo tunnel.

Ultimo aggiornamento: 15 marzo




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá