HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2014-03-22 13:19:54
A+ A- Stampa articolo



Tornano a Roma i "Ritratti di Santi". Lunedì Giulio Base legge Giovanni XXIII



Giovanni XXIII, Lucia di Fatima, Igino Giordani: questi tre “grandi” della fede sono i protagonisti dell’edizione 2014 di "Ritratti di Santi", le letture quaresimali delle agiografie scritte dal padre carmelitano Antonio Maria Sicari e intrepretate da attori professionisti nella Chiesa di Santa Maria della Vittoria a Roma. 24 marzo, 2 e 7 aprile le date dei tre appuntamenti: si comincia oggi con la vita di Papa Roncalli, ormai prossimo alla canonizzazione , letta da Giulio Base. Paolo Ondarza l’ha intervistato:RealAudioMP3

R. – Per me è veramente un grandissimo onore essere lì in tempo di Quaresima, davanti a un capolavoro dell’umanità - dentro Santa Maria della Vittoria c’è l’estasi di Santa Teresa, di Bernini -, poter leggere delle vite dei Santi, che sono sempre vite meravigliose. Dietro un santo non c’è soltanto il “santino”: ci sono sempre vite fuori dall’ordinario, di grande contatto con Dio. Quindi, è sempre una grande esperienza soprattutto viverlo insieme alle persone in chiesa. Io ne traggo sempre qualcosa e vado sempre a casa molto più “esperto” delle cose della santità. Non mi sento il protagonista, intanto perché ovviamente il protagonista è il santo, ma anche se sono io la voce, mi sento veramente parte dell’assemblea: siamo tutti insieme a vivere quell’emozione.

D. – La professionalità e la fede insieme in un’esperienza artistica che riesce a comunicare anche un forte sentimento spirituale…

R. - Molto, anche perché sono i grandi esempi, secondo me, nella vita che servono più di tante parole. Io parlo come genitore: uno può fare lunghissimi discorsi, però nei figli si rivedono le proprie azioni. Quindi, mi accorgo che più buone azioni faccio - giuste più che buone - loro le ripetono. Tutti siamo chiamati alla santità - questa è una cosa che fa un po’ paura a chi non crede, però lo stesso Papa Francesco ha ricordato che questa è la nostra chiamata: guardare gli esempi di chi santo è davvero, non può che aiutarti a cercare di migliorarti.

D. – Cosa significa per lei confrontarsi con una figura come quella di Giovanni XXIII. E’ legato a questo Papa?

R. – Sì, molto. Adesso che poi l’ho approfondito per prepararmi a questa lettura mi accorgo ancora di più della statura immensa di un uomo che era veramente chiamato alla santità fin da bambino nella provincia più sperduta del nord Italia. In questo caso poi è un’anteprima. Infatti, lo chiamiamo già “San” Giovanni XXIII, in realtà verrà santificato da qui a un mese. Quando dirò “San” Giovanni XIII come lo sto dicendo adesso, in qualche modo, ci sarà un’emozione nella voce perché lo abbiamo sempre chiamato Papa Giovanni. Viene quasi spontaneo un accostamento a questo Papa, al nostro Francesco, oggi, perché hanno ambedue un’umanità speciale, sono veramente due uomini che le persone - bambini, vecchi, anziani, colti, ricchi, poveri, chiunque ! - sentono veramente vicini.

D. – In questi giorni lei sta lavorando a qualche progetto in particolare?

R. – Ho un film in uscita. Dopo 15 anni di fiction torno al primo amore, il cinema, e quindi con un po’ di emozione, il 3 aprile, esce il mio film, “Il pretore”. E’ tratto da un romanzo best-seller di Piero Chiara.

D. - Come si inserisce questa parentesi quaresimale di “Ritratti di Santi” all’interno della sua professione e della sua quotidianità?

R. – Per me è veramente un momento molto bello. E’ proprio un punto fermo delle mie quaresime ormai. La vera rinascita, il vero anno nuovo, per me comincia sempre col Mercoledì delle Ceneri. E’ vero che la Quaresima è il tempo forte per la Chiesa, ma io lo sento in particolare come il vero tempo forte della mia vita spirituale.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá