HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Carità e Solidarietà > notizia del 2014-03-23 08:04:05
A+ A- Stampa articolo



In prima linea per i migranti: la testimonianza dei difensori dei diritti umani in Messico



Diventare vittime di tratta di persone, traffico di organi, sfruttamento sessuale e lavorativo. Sono i rischi che corrono i migranti, uomini, donne e bambini, che tentano di raggiungere gli Stati Uniti attraverso il Messico e che cadono nelle maglie della criminalità organizzata. Negli anni, per contrastare questo drammatico business, sono aumentati i difensori dei diritti umani dei migranti. Francesca Sabatinelli ne ha incontrati due, giunti in Italia con l’appoggio della onlus Soleterre, che cerca di dar loro voce in tutto il mondo:RealAudioMP3

Sono un esercito in aumento, perché aumentano drammaticamente anche tutte le persone per le quali lottano. Sono i difensori dei diritti umani dei migranti in Centro America, Messico e Caribe. Sono organizzazioni, singoli, civili e religiosi, che lavorano ogni giorno a contatto con coloro che finiscono nella rete della criminalità organizzata, diventando vittime di soprusi e violenze lungo la "ruta del migrante". A controllare il percorso di queste persone sono i cartelli della droga, i trafficanti che sequestrano per il pagamento del riscatto o che chiedono cifre enormi per un passaggio in treno che porti i migranti in fuga dalla povertà dei loro Paesi verso gli Stati Uniti. 50 milioni di dollari è il giro di affari che ogni anno ruota attorno ai migranti, tutti ci guadagnano dallo sfruttamento di questi “illegali”, anche le autorità messicane, colluse con il crimine organizzato. Le vittime, ufficiali o desaparecide, sono migliaia, un numero imprecisato, impossibile da fornire.

Accanto a loro ci sono i difensori, aiutano le migliaia di migranti che ogni anno attraversano il confine messicano, li ospitano nei loro "albergue", le strutture di accoglienza. Anche loro sono nel mirino dei criminali, che li minacciano, ma senza esito, perché nessuno li ferma. Così come nessuno ha fermato Frate Tomàs Gonzàles Castillo, conosciuto da tutti come “Frate Tempesta”, francescano, opera a Tenosique, al confine con il Guatemala. E’ uno dei luoghi più pericolosi, la prima fermata in Messico per i sudamericani e i centroamericani diretti negli Usa, una rotta controllata dagli “Zetas”. Fray Tomàs da anni denuncia sequestri, estorsioni, traffico di esseri umani, per questo è stato minacciato, ma lui continua perché i migranti continuano ad aver bisogno di lui.

R. – No baja, aumenta! Aumenta en toda la región. Ahora estamos recibiendo…
Il numero di queste persone non diminuisce, aumenta! E aumenta in tutta la regione. Adesso arrivano molti provenienti dell’America Centrale, soprattutto da Honduras e dal Salvador, che chiedono rifugio in Messico poiché c’è una forte violenza criminale nei loro Paesi. Bambini, bambine ed adolescenti che arrivano totalmente soli: è aumentato molto il numero dei minori che sono totalmente soli! Anche di donne… E’ chiaro poi che la donna e il minore sono i più vulnerabili per la violenza in Messico. Una donna può essere violata moltissime volte durante tutto il tragitto; un minore, soprattutto se femmina, se bambina, può essere vittima potenziale della tratta delle persone ed essere destinata al lavoro forzato, alla schiavitù sessuale o a qualsiasi altra cosa.

Suor Leticia Gutierrez, suor Leti, scalabriniana, è diventata punto fermo per i migranti e per chi difende i loro diritti. Con il suo impegno ha permesso la costruzione di 66 nuovi rifugi, ogni suo sforzo è teso a creare e rafforzare in Messico una rete di Difensori di Diritti Umani dei Migranti. Ed è lei a dirci che la soluzione per finire questo massacro esiste:

R. – Claro que hay una solución! Para empezar, los mismos estados tenias que…
Certo che c’è una soluzione! Anzitutto gli stessi Stati dovrebbero affrontare la questione dei migranti in modo diverso. C’è un libero transito di merci, c’è un libero transito nel commercio, dovrebbe quindi esserci anche un libero transito per le persone! E questo perché partono dal loro luogo di origine a causa della povertà, della miseria, e delle poche opportunità di sviluppo che le persone hanno per il futuro. Le autorità dovrebbero farsi carico del problema migratorio in modo diverso. In Messico intendiamo presentare una petizione alle autorità sul libero transito almeno per coloro che vogliono raggiungere il Messico o gli Stati Uniti per cercare una vita migliore. Non è possibile che si continui ad uccidere, che si continui a portare il peso di queste morti – sempre più morti! – sulle spalle. Questo non è più possibile! Tutti i giorni muoiono migranti proprio a causa di questa politica restrittiva.

R. – Hay una involución, un retroceso en las políticas migratorias a nivel mundial…
C’è una involuzione, una regressione nelle politiche migratorie a livello mondiale. Lo vediamo in Europa, lo vediamo negli Stati Uniti. Ad esempio, due delle condizioni della riforma migratoria degli Stati Uniti sono: ampliare il muro (una barriera di sicurezza costruita dagli Stati Uniti lungo la frontiera al confine tra USA e Messico ndr) e aumentare di mille persone in più la polizia di frontiera statunitense. Questa è una regressione! E’ necessaria una soluzione strutturale globale!

D. – Entrambi siete stati, come tanti altri difensori dei diritti umani, minacciati di morte…

R. – Nosotros no somos héroes, no somos súper-hombre ni súper-mujeres: somos …
Noi non siamo degli eroi! Non siamo né superuomini né superdonne: siamo persone comuni, normali, reali, che hanno deciso di consacrarsi e che, per non tradire l’umanità e per vedere nelle persone che soffrono Gesù stesso, stanno facendo quello che stanno facendo. E noi andiamo avanti! E vogliamo dare la nostra vita, e lo diciamo veramente! Ci è toccato fare questo, è molto difficile! Abbiamo paura, perché siamo esseri umani: c’è pianto, c’è fatica, c’è sudore, c’è stato sangue, però noi andiamo avanti! E non soltanto andiamo avanti per Cristo e per carità: no! Andiamo avanti perché vogliamo giustizia! Vogliamo perseguire coloro che stanno facendo tanto danno nel governo e che hanno permesso tutto questo!

R. – Ver a el otro, ver a la otra…
Vedere l’altro assassinato, vedere l’altra assassinata, è un qualcosa che non può lasciarti con le braccia incrociate. Io credo che tutti noi, donne e uomini impegnati con i migranti, lo siamo sì per una risposta di fede, ma lo siamo anche come risposta di fraternità, perché non possiamo continuare a lasciare che uccidano i migranti e che uccidano anche noi per farci stare zitti, in silenzio. Non possiamo continuare a sopportare che uccidano tutta l’umanità in questi fratelli e sorelle.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá