HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2014-03-23 07:50:55
A+ A- Stampa articolo



Musica e integrazione: primo disco di un gruppo musicale formato da rifugiati



Si chiama “Kermesse” ed è un gruppo musicale composto da rifugiati che vivono in Italia. Grazie a un laboratorio musicale promosso dall’associazione “Prime Italia” hanno realizzato, dopo un anno e mezzo di lavoro, il loro primo disco, esempio di integrazione tra culture diverse. Il servizio di Davide Maggiore:RealAudioMP3

Una sinfonia di suoni e nazionalità asiatiche, africane e sudamericane. Così definisce il risultato del progetto Guglielmo Micucci, presidente di “Prime Italia”, che racconta ai nostri microfoni i primi passi dell’iniziativa, nata dal contatto diretto con i rifugiati:

“Ci siamo resi conto come molti di loro portassero dai loro Paesi delle competenze anche musicali: chi aveva usato degli strumenti, chi aveva cantato e chi aveva anche semplicemente il desiderio di poter esprimere le proprie emozioni, i propri sentimenti attraverso la musica. Abbiamo iniziato gradualmente a creare un gruppo di persone, che ha poi costituito un laboratorio. All’interno di incontri periodici, ha realizzato questo cd, che ha preso il nome di “Kermesse” - da dove poi nasce anche il nome del gruppo stesso”.

La scelta della musica come mezzo d’integrazione ha anche un significato dal punto di vista ideale e culturale, prosegue Micucci:

“Questo strumento ci permetteva di entrare più facilmente in contatto con queste persone e soprattutto - e questa è un po’ la peculiarità di questo lavoro - ci permetteva anche di mostrare a queste persone quali fossero le nostre origini musicali: quindi un rapporto paritario, per mettere insieme - veramente in una grande kermesse - tradizioni di tutti i Paesi, inclusa l’Italia”.

Le canzoni che compongono il cd "Kermesse", e che il gruppo sta iniziando a eseguire anche dal vivo, hanno le loro radici nella storia stessa dei rifugiati, nel viaggio che li ha portati ad abbandonare le terre d’origine e nella loro nuova quotidianità, raccontata agli operatori di “Prime Italia” e poi trasformata in suoni ed armonie grazie anche alla collaborazione del musicista italiano Antonio Bevacqua. A spiegarlo è ancora Guglielmo Micucci:

“I testi di queste canzoni parlano della loro storia, della loro migrazione - purtroppo, a volte, forzata - delle cose che hanno lasciato nei loro Paesi di origine e delle speranze che loro hanno: la speranza del futuro, di quello che loro vorrebbero e potrebbero realizzare”.

In qualche caso, il lavoro nel laboratorio musicale ha portato alla scoperta di nuove abilità e talenti personali. È accaduto ad Abdoulaye, che in Costa d’Avorio lavorava da giornalista, ed era stato chiamato a scrivere alcuni testi del disco:

“Io non ho mai cantato, ma la storia che io volevo raccontare, che ho scritto, la volevo raccontare in maniera un po’ più personale: quindi mi hanno detto 'Vai, prova a prendere il microfono… Prova a cantare e vediamo che faremo…'. Così ho preso il microfono e ho cantato. Hanno trovato che la voce era bella: è così che ho iniziato a cantare”.

Ed è ancora Abdoulaye a spiegare quale messaggio ha voluto trasmettere in questo modo, attraverso le sue parole e la sua voce:

“Alla fine noi dobbiamo sempre lavorare, sempre andare avanti, perché stiamo vivendo un momento difficile. Dobbiamo avere coraggio, perché il futuro può essere interessante. Questo è quello che io racconto in questa canzone”.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá