HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2014-04-02 08:07:33
A+ A- Stampa articolo



Siria, 150 mila morti in tre anni di violenze: lo denuncia l'Osservatorio nazionale per i diritti umani



Tre anni di violenze, 150 mila morti. È il dramma della guerra in Siria, secondo gli ultimi dati diffusi dall'Osservatorio nazionale per i diritti umani, l’organizzazione - vicina alle opposizioni anti regime - che dal 2007 monitora le violenze nel Paese. Sul terreno intanto proseguono gli scontri. Il servizio di Giada Aquilino:RealAudioMP3

I dati superano quelli dei 15 anni di guerra civile in Libano, tra il 1975 e il 1990. Delle 150 mila vittime denunciate, un terzo è costituito da civili: di questi, almeno ottomila sono bambini. Secondo l'Osservatorio nazionale per i diritti umani le violenze hanno ucciso oltre 37 mila guerriglieri ribelli e più di 58 mila miliziani filo regime, tra militari governativi e jihadisti sciiti libanesi Hezbollah. Il bilancio non è verificabile in ogni sua voce e non è confrontabile con i dati delle organizzazioni internazionali che, da mesi ormai, non forniscono rapporti ufficiali al riguardo. Di certo si sa che le violenze sul terreno proseguono su vari fronti: ancora in corso l’offensiva dei ribelli contro roccaforti lealiste nei pressi di Latakia. Annunciata ma non confermata la controffensiva delle milizie filo regime. Lanci di razzi sarebbero poi in corso contro Qirdaha, città natale degli Assad a est di Latakia, e su di un aeroporto militare locale usato dal regime per ricevere rifornimenti dall'Iran e dalla Russia. Attacchi sono segnalati ad Aleppo, Idlib e Damasco. Regge invece la tregua nel campo profughi palestinese di Yarmuk, alla periferia della capitale, ma si continua a morire per l'assedio imposto dalle autorità di Damasco: due persone sono morte nelle ultime ore per mancanza di medicine.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá