HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2014-04-11 14:07:05
A+ A- Stampa articolo



Venezia. "Il Vangelo secondo Matteo" alla Biennale 2014



Presentato dal presidente della Biennale, Paolo Baratta, il cartellone del Festival di Danza diretto da Virgilio Sieni e intitolato "Mondo Novo", quello di Musica ideato da Ivan Fedele intitolato "Limes" e il College di Teatro organizzato da Àlex Rigola. Tantissimi appuntamenti a Venezia in programma da giugno a ottobre, intersecati a quelli offerti dalla Biennale Arte e Architettura. Il servizio di Luca Pellegrini:RealAudioMP3

L’Italia al centro, l’arte e la sua interdisciplinarietà, i giovani che si riappropriano di un territorio perduto, musiche che non fanno più paura, un college di teatro, gesti e movimenti per esprimere l’interiorità umana. La Biennale è un corpo culturale efficiente e vivo che pulsa dal cuore di Venezia per espandersi alla ricerca di un senso e della modernità. Più che di singoli eventi – tantissimi, tra giugno e ottobre – il presidente della Biennale di Venezia, Paolo Baratta, ha tenuto a sottolineare come l’articolazione dei programmi sia un insieme propulsore di grandi energie. E presenta con queste parole i prossimi appuntamenti dei Festival:

“L’edizione di quest’anno del programma di Danza, Musiche e Teatro è piuttosto complessa; è fondata molto su elementi ludici aperti al pubblico ma anche su ricerca e su sperimentazione. In parte si svolgerà alle Corderie, nell’ambito della Mostra di architettura, il che contribuisce all’incontro tra le arti: è ispirata a quella necessità di ricerca e sperimentazione e soprattutto alla necessità di dare una mano alle giovani generazioni di artisti che devono avere un luogo dove l’energia si trasmette. Ed è per questo che 'Biennale College' raduna ragazzi che vengono da varie parti per stare con dei maestri, ma per realizzare qualcosa. E il Festival si nutre anche dei progetti realizzati da questi 'College'”.

Il Festival di Danza si concluderà con uno speciale “Epilogo”: Il Vangelo secondo Matteo. Le coreografie, create dallo stesso Virgilio Sieni, saranno realizzate in otto serate comprese in tre settimane a partire dal 3 luglio. Il coreografo anticipa la sua idea dello spettacolo:

R. – Il pneuma che diffonde il Vangelo attraverso le parole di Matteo è un pneuma che, secondo me, va ad accompagnare tutte le tracce universali nel corpo dell’uomo: tracce legate ad una propria interiorità, mai espressa. Per cui il Vangelo secondo Matteo va a guidare l’uomo nel suo costruire tutta un’azione inedita. Io vorrei, attraverso lo sprofondamento nei vari quadri che verranno rappresentati – 27, con danzatori professionisti, non professionisti, artigiani, madri, uomini – vorrei veramente andare ad indagare la natura del corpo attraverso un ascolto: un ascolto altro. E portare questi individui a tracciare, con il proprio corpo, qualcosa che è desueto oggi e cioè a dire un atteggiamento di ascolto, un atteggiamento che è rivolto fuori se stessi”.

D. – Metterà in scena anche la figura di Gesù?

R. – Apparirà attraverso – come ci indica Matteo – tutta l’indicibilità dei bambini, quindi a quella qualità di energia, ma apparirà anche attraverso le pieghe di tanti anziani, anche attraverso la rappresentazione della donna. Quindi apparirà la figura di Gesù in questa dimensione universale.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá