HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2014-04-20 19:21:35
A+ A- Stampa articolo



Al via la Causa di Beatificazione di Don Benzi, infaticabile apostolo della carità



Al via ufficialmente la Causa di Beatificazione di Don Oreste Benzi, il fondatore della Comunità Papa Giovanni XXIII scomparso nel 2007. Alessia Carlozzo ha intervistato Giovanni Ramonda, responsabile generale della Comunità, che racconta come l’associazione si sta preparando:RealAudioMP3

R. - E’ una grande notizia che attendevamo, quella di questa apertura della Causa, perché don Oreste ha vissuto in tutta la sua vita questa donazione totale ai piccoli, agli ultimi, ai poveri. Quindi è una gioia immensa, perché permette anche di far conoscere la vita di questo “infaticabile apostolo della carità”, come lo ha definito Benedetto XVI. Noi continuiamo a prepararci vivendo la quotidianità, vivendo la ferialità e continuando ad accogliere le creature: i piccoli e i bimbi con gravi disabilità nelle nostre famiglie, nelle nostre case famiglia; i giovani che non hanno più nessuno e che sono sulla strada. Questa è la miglior risposta che vogliamo dare per camminare ancora oggi con don Oreste.

D. - Come viene percepita oggi l’eredità di don Benzi? Crede che le sue "battaglie" inizino finalmente a far breccia anche nella società più laica?

R. - Pensiamo di sì. Nel Nord Europa stanno legiferando alcune nazioni - come la Svezia e adesso anche la Francia lo sta recependo - su questo modello, che è quello che proponeva don Oreste di "ridurre la domanda": quindi un lavoro sì educativo, ma anche punitivo sui clienti. Noi dobbiamo veramente dire che la prostituzione è la schiavitù più antica del mondo e quindi dobbiamo assolutamente ridurre drasticamente la domanda, con delle normative che rendano efficace questo, con una collaborazione tra istituzioni pubbliche, private e sociale e soprattutto con un fattore educativo. Anche Papa Francesco sta approfondendo tutto il discorso sulla tratta e sulle nuove schiavitù, che era già una intuizione che don Oreste aveva 10, anzi 20 anni fa.

D. - A sette anni dalla sua scomparsa, qual è il ricordo più vivo di don Benzi nei fedeli e nella comunità?

R. - Di un pastore che aveva l’odore delle pecore, di un pastore che 24 ore su 24 si consumava per il bene dei suoi fratelli, che andava a cercarli continuamente laddove loro vivevano, sulla strada, nelle carceri, dove si ritrovano i giovani… Questa modalità che però veniva portata sempre con il sorriso, con la gioia del cuore. Anche se immerso in un'attività frenetica e con le problematiche enormi che incontrava, aveva questa serenità del cuore, questa pace del cuore che nasceva da una relazione con Dio molto viva, molto fresca, molto profonda; che nasceva dall’amore alla Parola di Dio e dal vivere l’Eucaristia come sacerdote. Dava del tu al Signore!




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá