HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2014-04-20 14:46:07
A+ A- Stampa articolo



Pasqua in Grecia. Caritas Atene: di fronte alla crisi non perdiamo la speranza



Col perdurare della crisi economica, la Grecia vive una Pasqua essenziale, fatta di riti religiosi e consuetudini rafforzate negli anni. Nonostante nelle ultime settimane la disoccupazione abbia fatto registrare un leggero calo e il Paese sia tornato sul mercato dei capitali, con un'asta di titoli a cinque anni, non è ancora finito il periodo di austerity. Ce ne parla padre Andreas Vuccinos, direttore di Caritas Atene e vicepresidente di Caritas Hellas. L’intervista è di Giada Aquilino:RealAudioMP3

R. – E’ una Pasqua molto difficile per la gente, perché la crisi economica è ancora forte: la situazione non si è risolta. Anzi: è molto grave e non c’è denaro. La gente adesso viene pagata l’ultimo giorno del mese: cioè lo Stato non paga prima di quella data. Allora non si prenderanno le pensioni, se non alla fine del mese: quindi molti non hanno le possibilità per festeggiare la Pasqua. Non possiamo festeggiare quando i pensionati non prendono la pensione, gli statali non hanno più la tredicesima, o come si chiama qui ‘il dono di Pasqua’.

D. – Dal punto di vista della fede, come si celebrano i riti pasquali? Quest’anno la Pasqua cattolica e quella ortodossa coincidono…

R. – In Grecia, come cattolici seguiamo il rito latino, però ormai ogni anno – fin dal 1971 – celebriamo la Pasqua lo stesso giorno della Chiesa ortodossa, perché abbiamo tante famiglie miste. La Chiesa ortodossa per tutto l‘anno segue il nuovo calendario gregoriano, ma per la Pasqua – per festeggiarlo insieme con le altre chiese ortodosse – segue il vecchio calendario. Quindi noi, come cattolici, per la Pasqua seguiamo le date ortodosse, fin dai tempi di Papa Paolo VI.

D. – Lei ha parlato di una situazione ancora difficile in Grecia: eppure i recenti dati della disoccupazione mostrano un leggerissimo calo…

R. – Quando ci sono un milione e 300-400 mila disoccupati, se anche un milione ha trovato lavoro questo non significa che si sia risolto il problema delle famiglie.

D. – La Caritas come aiuta le famiglie?

R. – Grazie anche alla Caritas italiana e altre Caritas, cerchiamo di aiutare i più poveri, che in maggioranza sono immigrati o profughi. Cerchiamo di dare una mano con i viveri, con la mensa che abbiamo ogni giorno. Possiamo soltanto aiutarli in questo modo. Non abbiamo molte possibilità, anche le nostre risorse sono limitate, a causa della crisi e delle tasse. Anche la Chiesa vive gli stessi problemi della gente.

D. – Nel periodo pasquale, Papa Francesco ha più volte invitato ad unire le nostre sofferenze a quelle di Cristo per riscoprire la gioia di aiutate gli altri. Com’è possibile in Grecia?

R. – Noi cerchiamo di farlo attraverso la gente che ci può aiutare. Però non sono più molte le persone, perché tutti quelli che ci aiutavano, ora non possono più farlo.

D. – Con le parole di Papa Francesco, come è possibile sostenere e accompagnare chi fa più fatica?

R. – Non dobbiamo perdere la nostra speranza. Speriamo sempre e noi - come cristiani - dobbiamo saper sopportare tutte le difficoltà economiche e sociali. Però non dobbiamo mai perdere la speranza! Il Messaggio del Papa per la Quaresima è stato per noi molto interessante e lo abbiamo distribuito alla gente per far vedere come il Papa parli sempre dei poveri e della situazione dei più deboli nella nostra società.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá