HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Carità e Solidarietà > notizia del 2014-05-09 15:30:08
A+ A- Stampa articolo



Sud Sudan: l’odissea dei bambini di Malakal sfuggiti alla guerra



La Chiesa del Sud Sudan avrà un ruolo di mediazione nei negoziati in corso ad Addis Abeba per la pace nel martoriato Paese africano. Tutta la popolazione locale invoca la fine della guerra e la riconciliazione, lo chiede soprattutto per i bambini di questa porzione d’Africa a cui è stata rubata la speranza del futuro. In prima linea accanto ai più piccoli è l’organizzazione umanitaria “Sos Villaggi dei Bambini” che – nelle settimane scorse – ha dovuto evacuare uno dei suoi villaggi, a Malakal, preda degli attacchi di uomini armati. Sull'incredibile odissea per salvare 35 bambini del villaggio, la testimonianza di Elena Cranchi, portavoce in Italia di “Sos Villaggi dei Bambini”, intervista da Alessandro Gisotti:RealAudioMP3

R. – Purtroppo, è un incubo che dura da mesi! Avevamo un villaggio a Malakal, che è diventato preda dei ribelli. Questa città era ormai diventata teatro di scontri. Ci sono racconti da parte dei nostri educatori tremendi: raccontano di queste strade coperte solo da mosche, cadaveri e null’altro… Quindi, era l’unico luogo dove, nonostante fuori imperversasse la più atroce e terribile violenza, i bambini poteva stare al sicuro. Ci sono poi stati quattro attacchi da parte dei ribelli e a quel punto abbiamo dovuto evacuare il "Villaggio Sos", che tra l’altro accoglieva 120 bambini e ragazzi: 80 di loro sono stati portati in uno dei 10 campi delle Nazioni Unite e altri 33 sono scappati con Isaac James, che è considerato ora l’eroe, colui che ha portato in salvo i bambini.

D. – Purtroppo, tre bambini sono stati rapiti. E’ così?

R. – Due. Due purtroppo sì. Continuano le ricerche da parte del team di "Sos Villaggi dei bambini Sud Sudan", dei funzionari governativi. Si sono unite le Nazioni Unite e anche l'Unicef. Ma temiamo che siano stati effettivamente rapiti, perché il tutto è avvenuto quando c’è stata questa traversata del Nilo. Bisogna anche tener conto che i nostri 33-35 bambini e ragazzi non erano gli unici. I racconti che noi abbiamo da parte dei bambini, sono racconti di paura per la presenza dei coccodrilli… Di questi due bambini dispersi si pensava che fossero stati accolti da altri gruppi, da altri nuclei… Invece, purtroppo, le ricerche stanno continuando, ma non abbiamo notizie. I 33 bambini con Isaac James hanno attraversato il Nilo, hanno compiuto tantissimi chilometri a piedi e sono riusciti poi a trovare accoglienza nel campo di una compagnia petrolifera e sono poi stati spostati a Juba.

D. – Adesso, i bambini sono a Juba, qui con quale tipo di assistenza e con quali aspettative?

Q – Si tratta di bambini privi di cure, bambini orfani e abbandonati: quindi parliamo già di bambini più vulnerabili dei vulnerabili! Bambini che non vivono più e non possono più vivere nella loro famiglia di origine, che avevano trovato nel Villaggio Sos di Malakal una casa amorevole e che hanno dovuto vivere giorni e mesi alla ricerca di un altro posto tranquillo. Oggi noi siamo felici, perché hanno una casa di nuovo. Siamo riusciti come Sos Villaggi Bambini Sud Sudan ad affittare un nuovo spazio a Giuba. In questo momento non c’è paura che lo scontro e i conflitti possano arrivare, ma ci sono poi tutti i problemi che derivano dai conflitti: quindi, i costi alle stelle ed è difficilissimo un approvvigionamento anche solo degli alimenti di base. La benzina – ad esempio – costa tantissimo e noi abbiamo dovuto riaffittare un mezzo per portare i bambini a scuola, perché stanno riniziando ad andare a scuola. Questo è già – per noi – un successo! In questo momento, ci stiamo occupando di dare un supporto psicologico a bambini che si vedono aggiungere traumi a traumi.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá