HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2014-05-10 14:02:05
A+ A- Stampa articolo



Cile: i vescovi chiedono riforme per famiglia, vita ed educazione



Arrivare “alle periferie geografiche ed esistenziali” del Cile sulla strada della giustizia e della fratellanza è il messaggio dei vescovi del Cile al termine della loro 107° Assemblea Plenaria, conclusasi ieri, a Punta Tralca.

Nel messaggio, i vescovi applaudono la volontà del nuovo governo di intraprendere riforme urgenti con “una chiara preoccupazione per i poveri e gli esclusi”, tuttavia esortano il governo ad aprire un dibattito più approfondito e allargato sulle iniziative che riguardano la vita, la famiglia e l’educazione. Ai vescovi preoccupano le iniziative legislative a favore dell’aborto e del matrimonio omosessuale. “La famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna e la protezione della vita - si legge - sono imperativi etici che hanno origini nella ragione umana stessa e che la Costituzione del Cile protegge”.

L’episcopato cileno è convinto della necessità di una urgente riforma del sistema educativo “perche è incettabile” che la qualità dell'educazione dipenda delle possibilità economiche dei genitori. “Proponiamo - affermano i vescovi - una riforma educativa che - nel contesto di una società libera, democratica e pluralista - assicuri la diversità di progetti educativi e difenda il diritto dei genitori di scegliere l'educazione che vorrebbero per i propri figli, e che non sia una prerogativa esclusiva dello Stato”. Infine, i vescovi sottolineano che sebbene il Cile presenti una crescita macroeconomica importante a livello nazionale e internazionale, sono migliaia le persone che vivono nella povertà e l’indigenza.

“La realtà dimostra - si legge - che bisogna generare politiche pubbliche a favore di una maggiore equità fondata in uno sviluppo più umano e solidale”. I vescovi ricordano i dolorosi eventi vissuti di recente con il terremoto di Arica e Iquique e l’incendio a Valparaiso per ribadire lo spirito di generosità e di vicinanza del popolo cileno alle famiglie che hanno perso i loro cari e le loro case. Il testo chiude con un invito alla promozione del bene comune attraverso il dialogo rispettoso e la amicizia civica. (A.T.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá