HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2014-05-10 16:01:27
A+ A- Stampa articolo



A Roma, la campagna "Slotmob": meno slot-machine e più biliardini nei bar



È approdata a Roma, ieri mattina, “Slotmob”, la campagna nazionale di sensibilizzazione contro l’uso delle slot machine nei bar. Una grande “colazione di massa” si è svolta presso due esercenti capitolini che hanno aderito all’iniziativa con l’appoggio di associazioni attive sul territorio e la positiva reazione dei cittadini. C’era per noi Elvira Ragosta:RealAudioMP3

Promuovere e aiutare i bar italiani che dicono “no” alle slot-machine nei loro locali, è questo l’obiettivo di Slotmob, una campagna che ha raggiunto diverse città, con la collaborazione di oltre 150 associazioni. Partita lo scorso settembre da Biella, che insieme a Pavia conta la densità per ludopatia più alta d’Italia, l’iniziativa ha un duplice effetto, economico e sociale. Il commento di Carlo Cefaloni, portavoce della campagna:

“Andiamo a dare sostegno a quegli esercenti, che fanno un’attività esplicita di contestazione all’invasione dell’azzardo nei loro locali e nelle città e che quindi compiono una scelta alternativa, andando chiaramente a perdere quella quota di vantaggio economico, che significa almeno 400 euro a macchinetta”.

Alti i disagi economici e sociali del business del gioco d’azzardo in Italia: nel solo 2012 sono stati giocati oltre 80 miliardi di euro; 800mila sono, invece, le persone a “rischio dipendenza da Gap”, il gioco d’azzardo patologico. Un bar senza slot, sostituite magari dal più sano biliardino, è una scelta di responsabilità e coscienza come ci ha testimoniato uno dei gestori che hanno aderito all’iniziativa:

“I soldi si fanno lavorando e non giocando d’azzardo. Bisogna lavorare dando un servizio di qualità e non mandando la gente in rovina”.

Sul ruolo del gioco d’azzardo nel rapporto tra economia e valori abbiamo raccolto la riflessione dell'economista Leonardo Bacchetti:

“Un mercato abbandonato a se stesso e senza regole produce una scala di valori, che non è quella che noi vogliamo, perché predilige i prodotti che producono dipendenza e che assicurano domanda stabile. Sta a noi intervenire sul mercato, incarnarci, scegliere cosa consumare e cosa risparmiare e in questo modo costruire efficacemente una scala di valori diversa. L’idea è quella di fare una mappatura dei bar. Per quanto riguarda le associazioni, siamo stati particolarmente contenti di avere avuto proprio oggi il suggello e il supporto da parte della Caritas. E Caritas ci ha detto: ‘Noi siamo particolarmente sensibili, perché siamo noi, nei centri d’ascolto, a vedere le conseguenze dei problemi della ludopatia e sappiamo bene di quale problema si tratti’”.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá